Come le aziende si schierano a favore della parità di genere

Negli anni, sui nostri schermi sono comparse campagne pubblicitarie che hanno sfruttato gli stereotipi di genere per veicolare messaggi in cui la donna era felice di svolgere le faccende domestiche.

Con la nascita della società moderna, il ruolo della donna è cambiato e ha cominciato ad assumere rilevanza in contesti diversi da quello domestico. Nonostante le donne ricoprano posizioni di leader all’interno delle aziende, molti messaggi pubblicitari ritraggono ancora le donne in un’ottica maschilista o troppo tradizionalista.

In seguito alle numerose critiche su questo tipo di comunicazione, molti brand di tutto il mondo hanno intrapreso uno storytelling del ruolo della donna nella società e nel proprio ambiente lavorativo che puntava alla lotta contro gli stereotipi di genere e al cambiamento.

Donna che lavora
fonte: Inc. Magazine

Microsoft e il ruolo della donna in azienda

Microsoft, una delle aziende leader del settore informatico, spesso visto come luogo frequentato principalmente da uomini, incentiva la parità di genere e la diversità all’interno dell’organizzazione in modo indiretto.

Non a caso in molte campagne pubblicitarie sono proprio donne e ragazze di diversa nazionalità a utilizzare gli ultimi prodotti della famiglia Microsoft: vediamo donne alla guida di un team di lavoro o che svolgono ruoli manuali.

Ad esempio, a raccontare le potenzialità di HoloLens 2, i nuovi visori di realtà aumentata, è una donna di origine ispanica che va in aiuto a un collega.

La giovane, con l’ausilio dei visori, si interfaccia con un’esperta che da casa propria la guida nella risoluzione del problema.

P&G: le faccende domestiche non sono un dovere da donna

Un’azienda che in modo più diretto basa la sua comunicazione sul supporto della parità di genere è P&G.

Nel 2017 è stata avviata una campagna con l’obiettivo di sensibilizzare l’uguaglianza di genere tra le mura domestiche. Dall’iconico logo del detersivo Fairy è stata rimossa la “y” ottenendo il termine inglese fair, che significa “equo”; l’iniziativa è stata realizzata per ricordare che i lavori domestici non sono solo doveri di una donna e che ogni membro di una famiglia deve impegnarsi ugualmente.

Per promuovere la campagna è stato creato l’hashtag #MakeItFair ed è stato ideato uno spot in cui si raccontano i progressi della società, ma che nel contempo ricorda che ci si può ancora lavorare.

Comunicare e agire all’interno delle realtà aziendali

Ciò che risulta importante è il saper unire i fatti alle parole. A questo scopo Microsoft e P&G, come molte altre aziende nel mondo, si impegnano a diminuire le differenze tra uomini e donne con azioni e comunicazioni interne.

Purtroppo però, all’interno di molte aziende si verificano fenomeni di pinkwashing, strategie che fanno solo apparentemente leva sul sentimento di inclusività senza però portare a reali azioni di equità.

Per questo motivo, una comunicazione rivolta alla parità di genere deve essere accompagnata da azioni interne all’azienda realmente volte all’uguaglianza e alle pari opportunità.

UBS: più fiducia e potere per le donne

UBS, famosa società di servizi finanziari, ha creato un vero e proprio piano per sostenere questa lotta su diversi fronti, dal sostegno monetario per la formazione al supporto dell’imprenditorialità femminile, avviando un progetto con il nome di Career Comeback.

UBS cerca di far valere le potenzialità delle donne ponendosi un particolare obiettivo, quello di far aumentare il loro livello di fiducia in ambito finanziario. L’azienda più volte ha dichiarato che, secondo alcune ricerche, solo 2 donne su 5 pensano di essere competenti a livello finanziario e non si sentono allo stesso livello degli uomini.

Parità di genere

La strada per la parità di genere però è ancora lunga anche in un Paese moderno come l’Italia.

Ogni azienda e ogni società ha l’obbligo morale di riconoscere le potenzialità di ogni collaboratore, indipendentemente dal genere. Da tutto ciò dipendono la competitività e la reputazione che ogni azienda porta con sé in tutto il mondo.

+4

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp