Black Friday 2020: come si comporteranno i consumatori italiani?

Il Black Friday è in arrivo e sono già molte le aziende che hanno iniziato a promuovere in anticipo sconti e promozioni su di un’ampa gamma di prodotti. Ricordiamo che il Black Friday è sicuramente uno degli eventi di shopping più popolare al mondo (il 96% di italiani dichiara di averne sentito parlare), un momento must da non perdere.

Black Friday
Fonte: MarkUp

I nuovi dati di Shopify

Secondo una recente ricerca internazionale effettuata da Shopify quest’anno l’’84% dei consumatori italiani prevede di effettuare acquisti durante il Black Friday, con uno scontrino medio che si aggirerà intorno ai 377€ a testa e che tenderà a salire a 478€ euro per gli uomini e 515€ euro per le famiglie con bambini. Questi dati dimostrano una partecipazione ed un sentiment notevole da parte degli italiani nei confronti del “Venerdì nero“, la partecipazione e la voglia di comprare infatti scende notevolmente se si prendono in considerazione dati di altri stati: Stati Uniti (67%), Francia (67%), Australia (61%), Germania (61%), Canada (50%) e Inghilterra (47%).

La categoria maggiormente interessata e propensa ad effettuare acquisti è quella dei giovani: le fasce di età coinvolte oscillano dai 18-34 ai 35-54 anni. Il 32% della fascia 18-34 è già alla ricerca di offerte e promozioni.

Il metodo di acquisto preferito sarà sicuramente quello del mobile shopping (64%); quest’ultima cifra scende invece al 42% se si prende in considerazione la fascia dei 35-54 e al 30% per gli over 55. L’indagine evidenzia come la categoria degli over 55 acquisti online prevalentemente per un motivo: la spedizione gratuita.

Black Friday
Fonte: Digitalic

La forma di commercio preferita è quella ibrida: il 49% degli italiani difatti preferisce fare shopping alternando l’offline e l’online, anche se l’acquisto e-commerce risulta favorito a causa della pandemia da Covid-19.

Le categorie di consumo più ricercate rimangono l’elettronica e l’abbigliamento: il 56% degli italiani è interessato infatti ad acquistare prodotti tech e fashion, che sono soliti essere quelli per cui tendenzialmente si spende di più.

Interessante è anche il settore beauty, con un 43% delle persone interessate a prodotti per l’igiene e cura della persona. A seguire si trova la categoria di libri e magazine (36%), elettrodomestici (33%) e giocattoli (30%)

L’indagine Trustpilot sull’indecisione dei consumatori

Un’ulteriore indagine è stata svolta da Truspilot, piattaforma di recensioni su aziende e servizi. La ricerca evidenzia come il campione intervistato si divida in: coloro che acquisteranno come hanno sempre fatto (20,8%) e coloro che non acquisteranno per niente (19,8%). La ricerca mostra come il 14,9% degli intervistati dichiara di voler spendere di meno, mentre il 9% sostiene che spenderà di più. Il 34,8%, infine, non è ancora sicuro se effettuerà acquisti durante il Black Friday.

Il fattore determinante all’acquisto che conta di più agli occhi dei consumatori italiani è secondo lo studio, non il prodotto, né le politiche di reso, né i tempi di consegna, bensì il il prezzo (32,7%).

Cosa accadrà?

Il Black Friday è cambiato molto nel corso degli ultimi anni e quello di quest’anno, causa Covid-19, sarà ancora più strano. Sicuramente si assisterà ad un’accelerazione nei confronti dello shopping digitale su determinate categorie di prodotto, resta tuttavia da vedere come si comporteranno sia i vari brand con le loro strategie di promozione online e offline, sia l’effettivo comportamento d’acquisto da parte dei consumatori.

Black Friday
Fonte: Sciroccomultimedia

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Facebook
Advertising

Come individuare i giusti KPI per Facebook ADS

Impostare le campagne Facebook correttamente richiede preparazione e abilità affinché siano performanti, ma come valutare successivamente i dati raccolti per definire l’efficienza dei propri annunci?

Leggi »