Cresce il segmento di consumatori multicanale in Italia

Sempre più italiani si informano e acquistano tramite strumenti digitali

Recentemente si è tenuta l’edizione 2020 dell’Osservatorio Multicanalità, realizzata dalla School of Management del Politecnico di Milano in collaborazione con Nielsen.

Nel convegno, dal titolo “Il countdown del cambiamento”, si è focalizzata l’attenzione su tre aspetti:

  • La mutazione e l’evoluzione degli scenari di consumo multicanale;
  • La rilevanza dei touchpoint all’interno del customer journey in ottica Everywhere Commerce;
  • Trend predittivi dell’evoluzione del comportamento dei consumatori italiani;
Osservatorio multicanalità 2020
Locandina del convegno – Fonte: som.polimi.it

I risultati emersi da questa ricerca evidenziano come gli italiani utilizzino sempre di più Internet e i vari strumenti digitali per comprare o cercare informazioni su prodotti o servizi.

I consumatori multicanale in Italia sono ben 46,5 milioni, pari all’88% della popolazione italiana sopra i 14 anni. Rispetto all’anno precedente la crescita è stata del 6%, con 2,6 milioni di persone che scelgono di utilizzare il digitale come mezzo fondamentale durante il loro percorso di acquisto.

Più di un italiano su quattro (28%) è un consumatore multicanale esperto, capace di spostarsi rapidamente dai canali offline a quelli online e che utilizza Internet durante tutte le fasi del customer journey.

Quali sono i mercati con gli utenti più digitalizzati?

Sempre secondo i dati, il settore che maggiormente gode di utenti totalmente o quasi digitalizzati è quello riguardante i viaggi.
Il settore travel infatti ha dalla sua un 75% di utenti che si informa online prima di acquistare, mentre il 65% compra solo online o alterna questa modalità all’offline.

A seguire si trova il segmento di elettronica/informatica dove quasi 7 su 10 sono i consumatori che utilizzano il web per ottenere informazioni prima dell’acquisto. Le assicurazioni sono il terzo fra i settori per numero di consumatori che utilizzano il digitale per informarsi e acquistare. Lo store fisico invece rimane l’asset preferito durante sia la fase di ricerca che di acquisto nei settori di largo consumo, pharma, beauty e abbigliamento.

“E’ il momento di progettare architetture di interazione integrate” Giuliano Noci, Ordinario di Marketing e Prorettore delegato del Polo territoriale cinese.

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp
Facebook
Advertising

Come individuare i giusti KPI per Facebook ADS

Impostare le campagne Facebook correttamente richiede preparazione e abilità affinché siano performanti, ma come valutare successivamente i dati raccolti per definire l’efficienza dei propri annunci?

Leggi »