Le principali funzionalità di Pinterest Trends

Al giorno d’oggi è sempre più importante per le aziende conoscere il comportamento del consumatore-cliente non soltanto in termini di acquisto ma anche per quel che riguarda le ricerche sul web e sui principali social network. Questo permette alle aziende di sapere quali sono i trend del momento, che si rivelano quelli su cui puntare, per esempio, per le campagne di comunicazione e di marketing.

Pinterest
Fonte: Insidemarketing

Google Trends in questo campo la fa sicuramente da padrone, offrendo una panoramica piuttosto accurata delle principali tendenze di ricerca degli utenti. A partire dal 2019 però si è fatto strada un nuovo strumento che si sta rivelando un ottimo mezzo a disposizione per le aziende: Pinterest Trends.

La struttura e le funzionalità di Pinterest Trends

Questo servizio offerto da Pinterest è consultabile in tutto il mondo ma per il momento fa riferimento soltanto alle tendenze nei mercati di Stati Uniti, Regno Unito e Canada. Non è necessario possedere un account per accedere a questo servizio: l’accesso è libero sia per chi possiede un profilo su Pinterest come utente sia per chi invece è soltanto interessato a controllare in maniera sporadica le tendenze e non possiede quindi un profilo.

Pinterest
Fonte: Search Engine Journal

Pinterest Trends presenta una piattaforma piuttosto intuitiva che ne rende l’uso molto semplice: nella schermata Home è possibile individuare 3 funzionalità:

  1. Una barra di ricerca che dà la possibilità di inserire il termine chiave che si desidera analizzare, a cui seguono i termini suggeriti e quelli correlati. Per una ricerca più mirata, in alto a destra è presente un menù a tendina dal quale si può scegliere quale mercato considerare fra i tre disponibili (USA, UK, Canada). Dopo aver cliccato sul termine chiave si aprirà una schermata con il grafico indicante le tendenze relative alla ricerca, nell’arco temporale di 12 mesi;
  2. La seconda funzionalità riguarda la consultazione delle principali tendenze della settimana in corso su Pinterest. Di solito vengono visualizzati i termini che in quella settimana hanno presentato volumi di crescita particolarmente elevati: questo accade per esempio in periodi come la Pasqua o il Natale dove le ricerche più consistenti su Pinterest riguardano ad esempio i regali, gli addobbi o i “biglietti” di auguri;
  3. Una terza sezione riguarda invece le idee di tendenza della settimana in corso ma questa volta ristrette alle categorie più popolari per esempio la moda, il food, i viaggi, l’home decor oppure la beauty routine, sempre relative al mercato di riferimento.

Un ottimo strumento di business

Pinterest negli ultimi anni ha registrato un elevatissimo incremento di entrate e di utenti: nel quarto trimestre del 2020, grazie agli investimenti in pubblicità, il social ha registrato ricavi per 706 milioni di dollari contro i 645,6 previsti. La società spiega:

“I nostri investimenti in strumenti pubblicitari hanno continuato a dare i loro frutti. La domanda pubblicitaria è stata buona da parte di inserzionisti di diverse dimensioni e settori, con il retail che ha rafforzato la performance dell’ultimo trimestre”.

Questi trend di crescita demarcano in modo chiaro come Pinterest sia un social che può essere molto sfruttato dalle aziende per far decollare le proprie campagne di business, di comunicazione e di marketing.

Pinterest Logo
Fonte: Search Engine Journal

Pinterest Trends inoltre può essere efficacemente utilizzato insieme ad altri servizi che la società offre come ad esempio Pinterest Ads che permette la pianificazione di campagne di advertising efficaci in modo che i pin (i segnalibri che le persone usano per salvare le loro idee preferite sul social) arrivino al target desiderato e Pinterest Predicts che invece consente di prevedere le tendenze per gli anni successivi.

Le aziende non devono mai dimenticare che conoscere il target e come il consumatore effettua le proprie ricerche è il primo passo verso campagne di successo.

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp