Gillette lancia una campagna a sostegno della comunità LGBTQ+

In occasione della Giornata Internazionale degli Uomini, il 19 novembre, Gillette ha colto l’occasione per parlare nella sua nuova campagna “Perfections au Masculin” di un argomento che affronta ormai da diversi anni: gli stereotipi sulla mascolinità.

Perfections au Masculin
Perfections au Masculin. Fonte: Gillette

Gillette a sostegno della comunità LGBTQ+

La campagna stampa consiste in 6 ritratti esposti dal 19 novembre per due settimane in diverse stazioni della metropolitana parigina, tra cui le due principali di Gare du NordGare de l’Est.
Inoltre, a supporto della campagna il marchio ha anche previsto un’attività sui suoi canali social ufficiali, dove cui le storie degli uomini presenti nei ritratti verranno rivelate mano a mano attraverso delle interviste.

Perfections au MasculinPerfections au Masculin
Perfections au Masculin. Fonte: Gillette

Nonostante Gillette stia puntando sempre di più ad una sempre maggiore inclusività, l’idea di una perfezione maschile più inclusiva non è ancora da tutti accettata.
Inoltre, il nuovo posizionamento che il brand sta assumendo non è poi così casuale, soprattutto se si pensa che diversi esponenti della comunità LGBT+ stanno minacciando di smettere di comprare i suoi prodotti.

Bisogna però vede il bicchiere mezzo pieno, infatti, oltre alle critiche, sui social network si sono diffuse anche una serie di reazioni positive e sono molti i membri della comunità LGBTQ+ che si congratulano con Gillette.

Perfections au Masculin
Perfections au Masculin. Fonte: Gillette

Gillette è lo specchio di una società che cambia

Con questa campagna che celebra la perfezione maschile in tutte le sue forme, Gillette conferma il suo nuovo posizionamento in un Paese, la Francia, dove gli stereotipi legati al mondo maschile sono ancora molto forti e radicati.

Come ha affermato il marchio in un comunicato stampa rilasciato in vista della campagna:

«Questi uomini rappresentano una società che cambia, una mascolinità che sta evolvendo verso una maggiore inclusione, accettazione e forse sottigliezza. I protagonisti della campagna sono la rappresentazione di questi uomini che, davanti allo specchio, si interrogano su se stessi, sulla loro mascolinità e sul loro ruolo nella società, perché gli stereotipi e la discriminazione ad essi associata sono ancora molto diffusi in Francia.»

Si tratta quindi di un cambiamento necessario, non tanto non per salire sul treno del progressismo, ma perché questi uomini sono una realtà che non si può più nascondere.
Gillette, quindi, accusato anche in Italia dai “mascolinisti” fin dai tempi del suo “spot che fece arrabbiare i maschi“, ignora le critiche e tutti coloro che minacciano il boicottaggio, continuando ridefinire il suo nuovo concetto di mascolinità e virilità.

Qui di seguito, il famoso spot che fece arrabbiare i maschi in Italia che sicuramente ricorderete:

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp