Guinness 0.0: la nuova birra che ha tutto, tranne l’alcol

Vi sarà sicuramente capitato almeno una volta di dover rifiutare una birra perchè dovevate guidare.

Finalmente non dovrete più porvi questo problema perchè è arrivata la Guinness 0.0, la prima proposta analcolica lanciata dal birrificio irlandese.

Guinness 0.0
Fonte: The Irish Post

C’è proprio tutto, tranne l’alcol

Per non perdere il suo carattere inconfondibile, la nuova 0.0 viene prodotta dai birrai di St James’s Gate come hanno sempre fatto e utilizzando gli stessi ingredienti naturali impiegati anche per le altre birre del marchio: acqua, orzo, luppolo e lievito.

L’alcol viene in secondo luogo rimosso attraverso un metodo di filtrazione a freddo, che evita di causare stress termico alla birra, proteggendone così l’integrità del gusto ma rimuovendone la parte etilica.

Successivamente si procede con la miscela e il bilanciamento degli aromi, per garantire il profilo aromatico e le caratteristiche gustative distintive della Guinness.

Guinness 0.0
Nuova Guinness analcolica

Il risultato alla vista è un colore rosso scuro con un cappello cremoso, mentre il sapore lascia in bocca note di cioccolato e caffè bilanciate da punte amare, dolci e tostate.

Come è emerso da test gustativi effettuati su un panel indipendente, la Guinness 0.0 ha superato le aspettative e il suo gusto è stato definito come “eccezionale” da Nielsen Product Advisor.

“È un giorno magnifico per l’azienda. Il lancio di Guinness 0.0 sottolinea il nostro impegno di lunga data per l’innovazione, la sperimentazione e il coraggio nella produzione della birra, sfruttando la potenza dei nostri birrai e dei nostri ingredienti”. 100% Guinness ma 0% di alcool: “Sappiamo che le persone vogliono potersi godere una Guinness quando scelgono di non bere alcolici senza compromettere il gusto, e con Guinness 0.0 crediamo che saranno in grado di fare esattamente questo”. Wafer Gráinne, Global Brand Director di Guinness.

La nuova Guinness 0.0 sarà distribuita dapprima in Gran Bretagna e in Irlanda e successivamente sarà resa disponibile anche negli altri mercati del mondo nel 2021.

+1
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp