Heineken trasforma la birra invenduta in energia pulita

Trasformare la birra invenduta a causa del lockdown in energia pulita: è questa l’ultima sfida di sostenibilità lanciata da Heineken.

Dopo aver allietato lo smartworking dei lavoratori inglesi con birra analcolica recapitata a domicilio da star dello spettacolo, il colosso olandese continua a fare la sua parte per contrastare gli effetti della crisi mondiale dovuta alla pandemia.

Un’idea arrivata direttamente dal team di ingegneri e birrai dello stabilimento di Manchester che, per evitare di buttare litri di prodotto rimasti in giacenza a causa della chiusura di bar e locali, ha trovato un modo per riciclarli. Come stimato dalla British Beer & Pub Association, da inizio pandemia ammontano a 87 milioni le pinte buttate dai produttori poiché rimaste in giacenza dopo la chiusura di bar e locali, per una perdita totale di 331 milioni di sterline.

Birra

Una situazione drammatica a cui, dallo scorso maggio, Heineken ha risposto mobilitando l’intero reparto dedicato all’infustamento. Partendo dalla birra in esubero, il processo di riempimento dei fusti è stato invertito inserendo la bevanda in un congestore in grado di trasformarla in biogas che sarà utilizzato per alimentare la produzione di nuova birra.

Come dichiarato dal direttore del birrificio Matt Callan:

“Dopo tutta la cura, l’attenzione e la passione che sono state impiegate nella produzione della birra, sarebbe stato un vero peccato doverla sversare. Nessun birraio vuole che la propria birra non venga gustata.”

Il risultato? 83.210 litri di birra, nonché 7 milioni di pinte riciclati e sottratti alle discariche grazie a questa nuova invettiva.

Brewing a Better World

Tale iniziativa fa parte di un disegno più ampio chiamato Brewing a Better World, il programma di sostenibilità lanciato da Heineken nel 2010 con l’obiettivo di migliorare l’impatto from barley to bar: dall’orzo al bar, lungo tutte le fasi della filiera produttiva.

Heineken
Brewing a Better World. Fonte: ilsole24ore

Un piano che l’azienda ha tradotto in azioni concrete come il lancio di Green Grip (il pack sostenibile ideato per eliminare gli imballaggi in plastica), la produzione di birra con l’utilizzo esclusivo di energia solare o investendo il 10% del budget adv in campagne volte a promuovere il consumo responsabile di alcolici.

Una delle più recenti è lo spot “When You Drive Never Drink”, che ha coinvolto i campioni di Formula 1 Keke e Nico Rosberg per promuovere il consumo della versione analcolica della storica lager.

Oltre ad essere il primo produttore di birra in Europa e il secondo al mondo, Heineken è anche un esempio di sostenibilità virtuosa, pronto a mettere la propria creatività e le proprie risorse a disposizione di un mondo migliore.

+3
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp