Il graphic design e la questione del contrasto

Un vecchio detto recitava “le differenze sono il sale della vita” e non aveva tutti i torti, soprattutto se si parla del mondo del graphic design. Una delle tecniche più importanti per un grafico è proprio il contrasto, grazie al quale è in grado di far risaltare un contenuto e di suscitare l’interesse del pubblico. Questa tecnica può essere utilizzata per attirare l’attenzione dei consumatori fondendo insieme diversi elementi, molto differenti tra loro.

Contrasto grafico
Fonte: posterlounge.it

Il ruolo del graphic designer

La parola “graphic design” deriva dall’inglese e viene tradotto come “progettazione grafica”. Il graphic designer è, quindi, colui che si occupa di creare materiali visivi coerenti con il testo scritto. Ogni pubblicità che si rispetti ha un copy e un’immagine capaci di attirare l’attenzione dei consumatori. Le immagini, però, non sono importanti solo all’interno di un manifesto o in un post pubblicitario, ma vengono sempre più spesso utilizzati nel packaging, nei loghi o all’interno dei siti web. Senza farci caso infatti, la scelta delle immagini e dei colori influenza molto la nostra capacità d’interesse e di acquisto.

Inoltre, ogni grafico deve essere in grado di associare l’immagine ad un messaggio rilevante per il consumatore e fare in modo che sia in linea con la brand essence dell’azienda. Come disse il famoso graphic designer, Jeffrey Zeldman:

 “Il contenuto viene prima del design. Il design, senza contenuti, non è design, è decorazione”.

Se l’associazione tra l’idea e l’immagine non è allineata si rischia effettivamente di distaccare l’attenzione del consumatore da quel determinato prodotto. Il compito del designer è proprio quello di far in modo che non accada.

Perché usare il contrasto?

L’obiettivo principale di ogni immagine pubblicitaria è attirare l’attenzione del pubblico e rimanere impressa nella sua mente. Le immagini sono un mezzo molto rilevante per comunicare efficacemente ad un gran numero di persone nel minor tempo possibile.

Riuscire a far emergere il proprio contenuto tra svariati messaggi pubblicitari non è un’impresa alquanto semplice. Quotidianamente i consumatori sono circondati da una quantità elevata di elementi visivi che cercano di convincerli ad acquistare un prodotto o un servizio.

Il risultato? La maggior parte dei messaggi viene completamente ignorata. La tecnica del contrasto, proprio per questo, spesso risulta una valida soluzione per farsi notare e attrarre i consumatori.

Graphic design
Fonte: Musa Formazione

Per gli esperti del marketing, il principio del contrasto è una forte strategia persuasiva capace di spingere il pubblico a guardare le cose da un punto di vista differente di quello che è solito vedere.

Come creare contrasto?

Usando questa tecnica i grafici cercano di far risaltare un particolare elemento all’interno di un’immagine, di un sito o di una pubblicità, cercando sempre di enfatizzare col contrasto gli elementi su cui ci si vuole attirare l’attenzione del lettore.

Si ottiene contrasto tramite l’uso di stile, enfasi e proporzione, ma anche di colore e caratteri. Se ad esempio, un progetto fosse composto da elementi circolari, potrebbe introdurre effettivamente forme più angolari per arrivare al contrasto e per ritagliare più interesse.

contrasto
Fonte: pixartprinting.it

Nonostante il contrasto sia uno strumento utilizzato soprattutto per suscitare sorpresa, non deve distaccarsi troppo dall’essenza e lo stile del brand. Il consumatore deve riuscire sempre a trovare una coerenza tra le varie comunicazioni di un’azienda.

Il tipo di contrasto varia in base all’obiettivo della comunicazione. Si può decidere di giocare con colori, immagini o animazioni differenti. Ciò che è essenziale è specialmente cercare di creare armonia visiva fra gli elementi, per evitare di veicolare un messaggio confuso al pubblico.

Un altro modo per creare contrasto è tagliare delle immagini molto differenti tra loro e metterle uno accanto all’altro. Ad esempio, unire un’immagine in bianco e nero con una molto colorata.

Focalizzare l’attenzione sul titolo

Se lo scopo della comunicazione è far leggere un titolo, è necessario fare in modo che esso non si confonda con le altre scritte: si possono utilizzare caratteri o colori differenti per distinguere le parole in base all’importanza che ricoprono all’interno del messaggio.

In questo post l’autore Michele Trani ha utilizzato il nero per scrivere il titolo con uno sfondo giallo. In questo modo l’utente verrà attirato immediatamente dalle parole, comprendendo il contenuto del lavoro. Per focalizzare maggiormente l’attenzione spesso si utilizzano in modo contrastante questi elementi:

  • Utilizzare contemporaneamente il grassetto o il corsivo. Spesso il grassetto viene utilizzato per sottolineare delle parole rilevanti nel testo;
  • Combinare dei font molto differenti tra loro, questo aiuta il lettore a mantenere alta l’attenzione e a non saltare delle frasi importanti;
  • Aumentare o diminuire la grandezza del testo. I titoli e i sottotitoli devono essere di una grandezza maggiore rispetto al paragrafo;
  • Inserire delle immagini che diano movimento tra un blocco di testo e un altro.
contrasto con titolo
Fonte: instagram.com

Giocare con i colori

I colori sono degli elementi importantissimi in un messaggio pubblicitario e possono influenzare la scelta del consumatore. Basandosi sulla teoria dei colori, si possono associare tonalità contrastanti per far risaltare un elemento grafico. La scelta, però, non deve essere del tutto casuale, ma deve rispecchiare il messaggio che si vuole trasmettere al lettore. In particolare, si può pensare al target di riferimento e al valore simbolico che i colori possono avere in base a delle associazioni.

Cerchio cromatico
Fonte: Didatticarte

Per scegliere la palette di colori più in linea con il progetto e con il messaggio che si vuole veicolare, è possibile far affidamento su applicazioni o siti online, tra cui troviamo Adobe Color, un utile strumento digitale che permette di creare combinazioni di colori in armonia tra loro.

Il contrasto in un sito web

Ogni pagina di un sito web ha uno proprio scopo predefinito ed un messaggio da comunicare. Il contrasto aiuta il visitatore della pagina ad orientarsi e a comprendere cosa sia importante. Oltre a guidare il lettore, rende la pagina più interessante e lo invoglia a leggere l’intero contenuto.

Per facilitare la comprensione e l’usabilità delle singole pagine web è importante accompagnare l’utente nella navigazione, prestando molta attenzione a questi aspetti:

  • il bottone, che deve essere ben riconoscibile, in cui inserire la call to action;
  • un’immagine e una grafica coerenti ed efficaci, in grado di attrarre il visitatore, facendolo sostare più a lungo nella pagina e spingendolo all’azione;
  • titolo e sottotitolo, sono gli elementi che devono risaltare per far comprendere al lettore il contenuto di ciò che stanno per leggere.
contrasto nel sito web
Fonte: tree4.it

Conclusioni

“Rendilo semplice, ma significativo.” – Don Draper.

Con immagini impattanti ed un buon gioco di contrasti sarà più facile creare un legame con i consumatori e far sì che si ricordino del messaggio.

Questa è solo una delle tante tecniche utilizzate nel loro mondo, ma la cosa più importante da tenere a mente quando si crea un progetto è la sperimentazione: seguendo queste dritte si ha un’ottima base di partenza e tutto il resto sarà frutto della creatività e dello studio del prodotto o servizio che si dovrà promuovere. Proprio per questo, un grande artista del settore deve tenere sempre a mente tale frase per creare delle vere e proprie immagini d’impatto: “maggiore è la differenza, maggiore è il contrasto”.

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp