Gli Instagram reels nelle strategie di comunicazione

Nell’agosto 2016, Zuckerberg, per contrastare la popolarità di Snapchat, creò le Instagram stories. Il motivo della crescita di Snapchat era legato al bisogno delle persone di mostrare ai propri followers ciò che stavano facendo in un determinato momento. Per stare al passo con i tempi, Instagram aggiunse, quindi, la possibilità di creare e condividere contenuti temporanei attraverso le stories, di cui ormai gli utenti non possono farne a meno.

Oggi accade esattamente la stessa cosa. Mentre Tik Tok spopola nel mondo dei social network tramite video brevi, creativi e ad alta visibilità che intrattengono giovani utenti, Instagram lancia i reels per affrontare la sfida.

I reels e la sfida a TikTok

Tik Tok ha registrato numeri esorbitanti fin da subito, diventando sempre più popolare in tempi brevissimi. A differenza degli altri social network, l’algoritmo che lo governa non si basa sul numero di follower e like dell’account, quanto piuttosto sul contenuto postato. Più nello specifico, non appena accediamo alla piattaforma, troviamo video che rispecchiano i nostri interessi, indipendentemente dal fatto che seguiamo o meno l’utente che li ha postati.

Tuttavia, capita talvolta di imbattersi in video per noi poco rilevanti e non particolarmente virali: questo serve per diversificare il feed e offrire una varietà più ampia di contenuti.

Ecco dunque che, per competere con il social network cinese amato dalla Generazione Z, anche Instagram, da agosto 2020, dà la possibilità ai suoi iscritti di condividere video basati sul modello Tik Tok: i cosiddetti reels.

Che cosa sono i reels

I reels sono video di breve durata che possono essere creati tramite diverse tracce audio ed effetti creativi. Inizialmente, la durata massima permessa da Instagram era di 15 secondi; oggi, invece, le esigenze dei creators hanno spinto il social ad allungare le clip ad 1 minuto.

Instagram presenta, dunque, una nuova sezione, con icona dedicata, all’interno del feed. Qui gli utenti possono registrare video creativi direttamente dalla fotocamera della piattaforma e ottenere visibilità grazie al nuovo algoritmo.

Icona instagram reels
Icona Instagram Reels. Fonte: italiaonline.it

Proprio come su Tik Tok, sono presenti diverse funzioni per editare facilmente i video e realizzare reels di successo. Le più utilizzate sono:

  • Audio: è possibile cercare una canzone dalla playlist di Instagram o utilizzare un proprio audio;
  • Velocità: accelerare o rallentare il video a proprio piacere;
  • Effetti: vi è la possibilità di selezionare diversi filtri, generati sia da Instagram che da altri creators;
  • Timer e countdown: è la funzione per impostare la durata del video. Inoltre, per rendere più semplice la creazione del video, si può impostare il timer che farà partire un countdown prima dell’avvio della registrazione;
  • Allineamento: permette di unire più clip in modo da rendere una transizione naturale e realistica.

Inoltre, nel caso di account pubblici, i reels possono comparire nella sezioneEsplora” di Instagram. Ciò comporta sicuramente una visibilità maggiore e un’ottima opportunità per le aziende di raggiungere nuovi clienti.

I reels nelle strategie di comunicazione

I reels nascono per offrire contenuti veloci, divertenti e facili, che si rivelano essenziali quando si tratta di organizzare un piano di comunicazione che migliori la relazione tra brand e utente.

Come per ogni buon piano di marketing, è importante che le aziende si prefissino gli obiettivi da raggiungere e, in questo caso, i reels possono essere utili per:

  • promuovere prodotti;
  • far divertire gli utenti;
  • educarli attraverso contenuti formativi ed esplicativi.

La grande maison di moda Louis Vuitton ha da subito sfruttato i vantaggi dei reels nelle proprie strategie di marketing, ponendosi come principale obiettivo quello di mostrare le nuove collezioni. Attraverso la pubblicazione di brevi video estremamente creativi, diventati poi virali, il brand non mostra solamente i nuovi capi, ma anche momenti divertenti durante gli shooting. In questo modo, il brand utilizza i reels per rafforzare il legame con i suoi utenti, coinvolgendoli nel “dietro le quinte”.

Feed instagram reels di Louis Vuitton
Feed instagram reels di Louis Vuitton. Fonte: instagram.com/louisvuitton/

Anche il settore del food può raggiungere traguardi soddisfacenti e creare contenuti virali attraverso reels accattivanti ed educativi. Cuochi e ristoratori possono mostrare in pochi secondi la come creare una propria ricetta speciale oppure spiegare quali proprietà benefiche hanno alcuni prodotti.

Il noto chef italiano Damiano Carrara ha raggiunto milioni di visualizzazioni grazie alla pubblicazione di reels. Accompagnato da una musica di sottofondo, lo chef condivide con i propri followers ricette di dolci in modo rapido e creativo, quasi da far venire l’acquolina in bocca.

Feed instagram reels di Damiano Carrara. Fonte: instagram.com/chefdamianocarrara/

Instagram reels è sicuramente una novità interessante per i brand che vogliono ottenere maggiore visibilità e farsi notare tra i competitors. Non si tratta, quindi, solamente di una sfida con Tik Tok, ma anche di una grande opportunità per stimolare la creatività e crescere nel mercato. Se da un lato le aziende che hanno deciso di integrare i reels nella loro strategia di marketing sono già numerose, dall’altro lato molti brand ancora devono entrare in questa visione più digital e creativa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Articoli simili

Resta sul pezzo!

Iscriviti alla nostra smarTletter e non perderti gli aggiornamenti, le notizie e le novità più interessanti dal mondo del marketing.

Non ti assilleremo riempiendoti la posta di odiose e lunghissime newsletter. Poche ma buone.

Che aspetti?