Elon Musk in guerra con Facebook dopo i disordini di Capitol Hill

Il CEO di Tesla è stato al centro delle cronache degli ultimi giorni a causa di un tweet lanciato sul suo account giovedì 7 Gennaio 2021. Infatti, Musk ha accusato apertamente Facebook, gigante dei social network, dell’incursione dei sostenitori di Donald Trump a Capitol Hill.

Il tweet della discordia

Nel twitt di Musk appare una foto composta da tasselli equiparabili alle tessere del domino. Il primo elemento, nonché il più piccolo, rappresenta il domino stesso che, espandendosi, porta alla caduta degli altri tasselli.

Nell’immagine il primo parallelepipedo conteneva la scritta: “Un sito web per votare le ragazze del campus”, esplicito riferimento alla nascita di Facebook, ad Harvard. Il tassello più grande invece riportava un messaggio di Mark Leibovich, giornalista del New York Times: “Pare che Capitol Hill sia sotto il controllo di un uomo con un cappello da vichingo”.

Leibovich, corrispondente nazionale, commentava i fatti accaduti mercoledì 6 Gennaio alla sede delle due camere del Congresso degli Stati Uniti, attaccate da un gruppo di sostenitori estremisti di Trump. Musk fa dunque riferimento all’impatto e all’influenza che Facebook vanta sugli utenti della piattaforma, e all’incapacitá di contrastare la disinformazione che circola nelle bacheche degli utenti.

Musk
Il cinguettio di Musk. Fonte: Twitter.

Le accuse al Social Network

Questo episodio è solo l’ultimo di una serie di attacchi già sferrati da esperti, imprenditori e utenti, contro il social network blu. Le critiche, nel caso specifico, accusano il colosso di Mark Zuckerberg di diffondere fake news e post che incitano all’odio, tra cui quelli del Presidente Trump.

Elon Musk è da anni un noto oppositore del colosso del web: solo qualche mese fa aveva invitato i suoi followers a cancellarsi dalla piattaforma, twittando: “Facebook fa schifo”.

La reazione di Facebook

Il social blu, dal canto suo, per la prima volta ha reagito bloccando l’account del Presidente fino a nuovo ordine. Questa reazione è scaturita dalla pubblicazione di un video di The Donald, poco prima dell’attacco a Capitol Hill, in cui accusava di frode elettorale e metteva in dubbio la vittoria di Joe Biden, alimentando, secondo Musk, l’azione di protesta esplosa al Campidoglio.

Trump
Due tra i protagonisti della vicenda. Fonte: DailyDot.com

Il dibattito che scaturisce da questo episodio è particolarmente complesso dato che riguarda tematiche come la regolarizzazione della diffusione dell’informazione, questione per la quale i Social Network vengono criticati e spesso sottoposti a sanzioni.

+1
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp