I grandi nomi della pubblicità: Jacques Séguéla

La storia della pubblicità è contraddistinta da pilastri imprescindibili, fondamentali per comprendere l’evoluzione culturale di questa branca del sapere.

Alcune campagne sono state iconiche al punto tale da trasformarsi in veri e propri modelli. Certi pubblicitari hanno sviluppato uno stile unico e irripetibile, mentre altri si sono distinti nella disciplina tanto da riuscire a fondare agenzie internazionali ancora oggi esistenti,  veri e propri colossi del settore pubblicitario.

La vita di Jacques Séguéla

Jacques Séguéla nasce in Francia nel 1934.
Laureato in Farmacia e amante dei raid, una passione che lo porterà a fare il giro del mondo a bordo di una 2CV, svolge la professione di giornalista per diversi anni.

Tuttavia, la pubblicità esercita su di lui un’attrazione troppo forte, motivo per cui decide di lasciare il lavoro per fondare assieme a Bernard Roux l’agenzia pubblicitaria Roux-Séguéla, che si espande fino a comprendere tra i soci anche Cayzac e Goudard (la RSGC, poi evolutasi fino ad oggi in gruppo Havas).

Séguéla ad oggi è noto anche per essere un accanito scrittore, tra le sue opere più celebri si ricorda Hollywood lava più bianco e La terre en rond.

Jacques Séguéla
Fonte: Il Messaggero

Arcinoto è lo spot pubblicitario che Séguéla realizzò per l’allora nuovissima Citroen Visa GTI, nel 1985, in occasione del quale chiese al Presidente francese dell’epoca, François Mitterrand, il permesso di utilizzare la portaerei Clemenceau e un sottomarino nucleare.

Lo stile di Séguéla

Negli anni Settanta e Ottanta, il metodo in assoluto più utilizzato per l’ideazione di una campagna pubblicitaria era quello americano, basato sulla centralità della reason why. In sostanza, le campagne si concentravano soltanto sulle caratteristiche funzionali del prodotto in questione. Séguéla, però, compie una vera e propria rivoluzione copernicana, spostando il focus sulla passion why, concentrata, ovvero, sui desideri e sulle emozioni dei consumatori.

Nell’opera Hollywood lava più bianco, Séguéla formula la cosiddetta Star Strategy, metodo che ha l’obiettivo di catturare l’attenzione del consumatore tramite la più totale spettacolarizzazione del prodotto, emergendo rispetto ai competitors.

essere primi nel settore
Fonte: Alessandralomonaco.com

Secondo questa teoria, la Copy Strategy, concentrata sulla creazione di output razionali, dovrebbe essere sostituita da un metodo che sposti l’attenzione del cliente verso valori emotivi e spettacolari, la Star Strategy, per l’appunto.

Séguéla era convinto del fatto che la veste estetica e la spettacolarizzazione fossero gli aspetti che più di ogni altro catturavano lo sguardo e l’attenzione del consumatore.
Ogni prodotto, quindi, doveva essere minuziosamente caratterizzato dal punto di vista fisico, caratteriale e stilistico. Il primo aspetto costituisce la sua funzione, il secondo il valore aggiunto, mentre l’ultimo rappresenta la modalità con cui esso si comunica al consumatore. Se le prime due caratteristiche, secondo Séguéla, possono mutare, l’ultima deve invece rimanere sempre costante e coerente. Il canale ideale per mettere in pratica tale strategia è quello televisivo.

C'est démon-smarTalks
Pubblicità di Séguéla per il lancio sul mercato della nuova Citroen CX, con Grace Jones, 1985. Fonte: chisholm-poster.com

La personalità di un brand secondo Séguéla

Séguéla, quindi, propose alle marche di operare un restyling, trasformandosi da brand-oggetto a brand-persona, fanali in grado di catturare l’interesse del cliente. La metamorfosi della marca si conclude con la conversione in star, e quindi in un brand iconico e affermato proprio in veste della sua personalità ed estetica.

+1
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp