Vogue Italia x WWF: moda e ambiente si uniscono

Vogue Italia inaugura il nuovo anno lanciando una nuova partnership con WWF Italia per rimarcare l’importante responsabilità della moda nei confronti dell’ambiente.

La partnership è iniziata proprio questo mese, gennaio 2021, e avrà una durata lunga tutto l’anno per diffondere maggiore consapevolezza sulla conservazione di natura, habitat e specie in pericolo.

Il magazine ha dedicato per la prima volta nella sua storia un intero numero e 7 copertine da collezione ad un tema che sta molto a cuore all’organizzazione partnership WWF: gli animali.

5 di esse sono state realizzate da artisti contemporanei: un alveare immortalato dall’artista americano Andres Serrano; un piccolo ñandu (struzzo sudamericano) fotografato da Alessandra Sanguinettiun agnello e un cane ritratti da Heji Shin; un felino immaginario disegnato da Tschabalala Self, artista statunitense; e un cane da pastore belga ritratto da Johnny Dufort.

Vogue
Fonte: Vogue Italia

Le rimanenti due copertine di moda, firmate da Dufort e Shin, hanno come protagonista un brand di upcycling Francese, chiamato Kezaco. La tecnica upcycling è stata menzionata per la prima volta da Vogue Italia, questo gesto rappresenta una forte attenzione verso il boom di creativi che producono oggetti nuovi partendo da materiali di scarto: nel caso di Kezaco, formato dal duo di stylist parigino rimasto anonimo, si concentra particolarmente su tessuti di recupero e conchiglie.

Vogue Italia si impegna a sensibilizzare il tema riguardante il rapporto tra gli animali e l’industria della moda, non solo attraverso le copertine ma anche dedicando approfondimenti e articoli all’interno del magazine, con particolare attenzione al tema della scarsità delle materie prime e agli ultimi sviluppi della ricerca scientifica sui materiali alternativi.

Vogue
Fonte: Vogue Italia

Questo numero vuole essere l’occasione per stimolare un pensiero sul rapporto tra il mondo della moda e quello animale – un rapporto importante e delicato, che rappresenta un momento chiave nella definizione di una futura moda etica e sostenibile», dice Ferdinando Verderi, direttore creativo di Vogue Italia.

Dal punto di vista di comunicazione, la partnership risulta essere anche una buona scelta di CSR, mostrando lo spontaneo interesse della rivista di moda verso l’ambiente e gli animali, impegnandosi a sensibilizzare l’argomento e promovendo l’utilizzo di tessuti ecologici, fur-free e riciclati. WWF Italia mostra allo stesso modo, ancora una volta, di muoversi concretamente per la politica in cui crede, sostenere l’ambiente e gli animali.

+20

Per qualsiasi segnalazione relativa al contenuto dell’articolo, contattaci pure a [email protected] fornendo tutte le informazioni necessarie per risolvere tempestivamente la segnalazione.

Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp