Comunicare divertendo, gli effetti di LOL sulle aziende

Dopo pochi giorni dall’uscita, LOL, il game show in onda su Prime Video, ha avuto un successo nazionale. La risposta del pubblico è stata immediata, inondando i social network di contenuti del programma come meme, filtri per le instagram stories o imitazioni di alcuni sketch dei protagonisti dello show.

Moltissime aziende hanno compreso l’interesse dei consumatori e hanno cavalcato l’onda del successo del programma vendendo i prodotti presenti nello show o creando contenuti di comunicazione ad hoc.

Chi ride è fuori
Chi ride è Fuori. Fonte: Isa e Chia

Cos’è LOL?

Si tratta di un programma che vede dieci comici chiusi in una stanza per sei ore consecutive con un unico obiettivo: far ridere gli altri concorrenti con ogni mezzo.

I conduttori, Fedez e Mara Maionchi, hanno avuto il compito di controllare e commentare ciò che succedeva nella stanza, inviare dei comandi per dare degli spunti comici ed eliminare chi accennava un sorriso.

Tra i diversi comici Ciro è stato l’ultimo a non ridere e a vincere la gara. Il premio per il vincitore comprende un assegno da 100.000 euro, che il comico napoletano ha devoluto interamente in beneficenza alla fondazione “ActionAid “, la quale ha di conseguenza ringraziato pubblicamente sui profili social ufficiali.

ActionAid
Il ringraziamento pubblico della fondazione ActionAid nei confronti di Ciro. fonte: ActionAid italia

Esempi di Instant marketing targati LOL

I concorrenti che hanno creato più interazione con il pubblico sono stati sicuramente: Lillo, Elio, Pintus e Ciro. Proprio per questo motivo diverse aziende hanno deciso di riprendere alcune loro frasi o prodotti di scena e riutilizzarli nelle loro azioni di comunicazione.

‘So Lilla, ah no so Lillo’

Nel corso del programma il comico Lillo ha fatto diversi sketch che hanno messo in difficoltà i concorrenti e che sono esplosi sui social. In particolare la sua trasformazione in “Posaman” e la frase “So Lillo” sono diventati ormai dei veri e propri tormentoni.

Per questo motivo il negozio di arredamento Prezioso Casa ha pensato di sponsorizzare una delle sue poltrone lilla inserendo nella foto, pubblicata sui canali social aziendali, la scritta “So Lilla” accompagnata dalla P di “Posaman“.

Perfetto per ogni tua posa

L’azienda di telefonini OPPO si è rivolta direttamente al supereroe inventato dal comico per proporgli il telefono giusto per immortalare ogni sua “posa” da vero eroe.

OPPO
Fonte: OPPO

Chi ride è uno zucchero aggiunto

Il famoso brand di succhi di frutta, Skipper Zuegg ha deciso di sfruttare il particolare suono della bacchetta luminosa di Frank Matano. In un video pubblicato sui social dell’azienda viene fatta muovere su e giù una bottiglia di succo, richiamando l’uso della bacchetta durante il programma.

Inoltre, comunica indirettamente l’assenza di zucchero nel succo con la frase “Chi ride è uno zucchero aggiunto“, richiamando lo slogan del programma.

skipper
fonte: Skipper

Il microfono a cui è difficile resistere

Tra i protagonisti più amati e criticati di LOL c’è Elio, che sin dai primi minuti ha sorpreso tutti travestendosi da Gioconda. Nel corso dello show ha impugnato un microfono e ha cominciato a ripetere a ritmo di musica “Hey! Hey! Hey! Hey!“, facendo ridere Frank Matano.

Unieuro, che vende nei suoi store un microfono molto simile a quello di Elio, ha deciso di pubblicizzarlo con uno slogan irriverente: “Se mai un giorno volessi inseguire qualcuno gridando Hey! Hey! Hey! Hey! Hey! Hey!“.

La catena di ristoranti giapponese, SushikoItalia ha invece creato un vero e proprio meme, riprendendo la scena del programma in cui Elio insegue Frank con il microfono. In perfetta linea con il momento, ricorda a tutti i suoi clienti che non potranno resistere alla tentazione di sushi.

Sushiko
Fonte: sushiko Italia

Questi sono solo alcuni dei tantissimi contenuti di instant marketing presenti sui social in queste ultime settimane, utili per comprendere come un semplice programma comico possa essere un ottimo modo per le aziende di comunicare ai propri clienti.

+16
Condividi l'articolo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su whatsapp